Massimo Massarenti Photos & more

Thailandia - il paese del sorriso

L'arrivo a Bangkok arriva con una dozzina di ore di volo per sei fusi orari e un paio di cambi aereo.

 

Fuori dallo Skyline ho il vero primo impatto con la metropoli, trenta gradi con una buona dose d'umidità, che a metà mattina il sole non si vede, anche grazie alla cappa di smog che poggia sulla città.

 

Per questo viaggio ho scelto una attrezzatura mista; Il mio inseparabile 35 mm f2 IS e l'unico zoom che mi è rimasto il 70-200 f4 IS per un briciolo di creatività. È un bagaglio leggero ma completo. Alcuni accessori necessari mi forniscono una buona autonomia.

 

Nel giro di tre giorni riesco a gestire i miei spostamenti con una certa facilità, riuscendo così a scegliere le mete senza  farmi  trasportare a casaccio. Per divertirmi, cerco quasi di perdermi alla ricerca di zone meno turistiche e più autentiche.

Devo dire però che anche la Bangkok più moderna merita qualche scatto, proprio da affiancare a immagini più tradizionali di templi e mercati rionali.

 

Il peso che mi porto dietro è determinante, per il caldo e per le tante ore che dedico ai miei scatti. Alterno così le due ottiche, lasciandone sempre una al mio alloggio. Naturalmente dovevo muovermi consapevolmente nei confronti dei soggetti, delle idee e alle occasioni che mi si sarebbero presentate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Navigare sul ChaoPraia, il grande fiume che attraversa la capitale è stato per me estremamente stimolante perché sopra quei battelli mi sembrava di essere a Venezia tra pontili, barche e il personale di bordo.

Un modo confortevole per scegliere la meta, per gestirsi le escursioni attraverso la zona centrale urbana. Molte fermate sono proprio in prossimità delle attrazioni più importanti. Inoltre il costo per questi spostamenti è davvero economico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da questa prospettiva è facile individuare l'aspetto vecchio e l'aspetto nuovo che le due rive offrono dell'architettura che si affaccia sulle acque del fiume. Anche le persone sono diverse da quartiere a quartiere. Dai giovanissimi che in centro si muovono col volto immerso nel proprio smartphone, ai quartieri dove gli anziani passano le giornate all'ombra del caldo sole che si fa sentire quasi tutto l'anno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fuori Bangkok le occasioni sono davvero tante per raccogliere qualche scatto alternativo, meno turistico e forse più genuino. qui possiamo vedere il famoso ponte sul fiume Kwai, che si trova ad un centinaio di km dalla città.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più a nord, nella Thailandia più autentica, ChiangRai offre un nuovo tempio, completamente bianco, che offre ai suoi visitatori l'occasione di fotografare qualcosa di davvero inconsueto. Questo tempio è recente e non è ancora terminato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più sotto alcuni scatti realizzati nelle campagne di questa area denominata anche "Il triangolo d'oro"; Qui sopra, tra le montagne la Thailandia confina con la Myanmar ed il Laos. I ritratti sono quelli che preferisco inserire in questa storia di viaggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui sono riuscito a trovare le temperature meno calde, anzi fredde. Giornate particolarmente rigide avevano spolverato di neve le cime sopra Chianrai.

Ho così preferito trasferirmi verso sud, sulle spiagge thailandesi tanto rinomate e famose. Ho fatto tappa a Koh Samui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho deciso di girare l'isola con lo scooter per poter essere slegato da mezzi pubblici e da rotte prestabilite. L'isola, grande come l'isola d'Elba, offre molti scorci tra baie, mercati, aree tropicali per eccellenza che hanno stimolato il mio interesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Voglio concludere qui, perché credo che le fotografie qui presenti, possano dare una idea abbastanza chiara della grande possibilità per chi fotografa, di trovare le occasioni ovunque.

Aggiungo che la Thailandia è un paese tranquillo ed ospitale ed i casi di furti o rapine, anche portando un corredo fotografico ricco, non ne ho sentito minimamente parlare.

La dolcezza e cortesia di queste persone è davvero piacevole e stimolante. La lingua non è un problema, anche se non tutti parlano inglese.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

www.massarenti.org © copyrigth 2018